Twitter OAuth su ioProgrammo di novembre

Dallo scorso 31 agosto, Twitter non concede più accesso al webservice attraverso il sistema di autenticazione base. Ora tutte le applicazione che fanno uso delle API di Twitter devono accedere al servizio attraverso OAuth.

La novità non è di scarso rilievo, soprattutto per la crescente popolarità del servizio di microblogging più diffuso al mondo. Per questo ho proposto alla redazione di ioProgrammo un nuovo articolo in cui analizzo i servizi di Twitter.

Nel numero di novembre, infatti, spiego come sfruttare le API con accessi in lettura e scrittura, con il supporto della libreria twitteroauth.

Ma c’è di più: per rendere più interessante il discorso, propongo un mash-up con Google Maps ottenuto grazie alla geolocalizzazione dei tweet con il supporto della W3C Geolocation API.

Il tutto testato su browser desktop e mobile.

Buona lettura!

Annunci