Il primo mash-up

Dopo molte ricerche online, un bel po’ di studio e diverse ore di programmazione, ho concluso il mio primo mash-up.

L’obiettivo, come alcuni di voi sapranno, era di creare una Gmap in cui visualizzare automaticamente le fotografie che vengono caricate su Flickr da un utente o da un gruppo di utenti.

In fondo, una volta che ci si prende la mano, non è difficile. Sia Google che Flickr mettono a disposizione una corposa documentazione che è senza dubbio di grande aiuto nella creazione di applicazioni personalizzate.

Alla fine si tratta di passare richieste ai server e manipolare le relative risposte attraverso le API dei due servizi. Lo stesso risultato può essere ottenuto, ovviamente, ogni qual volta siano disponibili librerie pubbliche, come nel caso di YouTube, del.icio.us, twitter, ecc.

Ecco un primo risultato ottenuto:

Mash-up

Ovviamente ho lavorato sul mio account, ma nulla vieta di interrogare l’archivio di un gruppo di utenti, o anche le foto etichettate con un certo tag.

Le applicazioni sono infinite. Basta lavorare di fantasia…

Annunci

2 thoughts on “Il primo mash-up

  1. Due cose: 1) Broken link alla voce Gmap; 2) Non è chiaro l’intento: vorresti dire che dato un insieme di coordinate
    che mi definisce un punto o un’area hai creato un “bot” che rastrella tutte le foto che contengono le stesse coordinate, consentendone una visione mirata?

  2. 1) sistemata, grazie

    2) in questo caso non ho creato il bot come dici, ma è tecnicamente possibile. il mio obiettivo attuale era di interrogare flickr e ricevere una risposta in modo da posizionare le foto sulla mappa. praticamente, ho interrogato flickr via php/rest, ho ottenuto una risposta in json che ho utilizzato per organizzare i dati in formato xml. dal formato xml è stato semplice inserire le foto sulla mappa, grazie alle api di gmaps. volendo, si possono inviare richieste più raffinate o mirate, come quella del bot con le coordinate dei vertici del rettangolo.

I commenti sono chiusi.