La cultura del narcisismo

lasch.gif

Non era esattamente il libro che mi aspettavo, questo di Christopher Lasch. Pensavo, più che altro, ad una critica sociale. Invece, La cultura del narcisismo è un’analisi psichiatrica della società contemporanea che porta a concludere che siamo tutti più o meno psicopatici, focalizzati ossessivamente su noi stessi, incapaci di trovare una continuità alla nostra esistenza creando un legame tra il passato e il futuro, concentrati sul presente e incapaci di investire sul futuro dei nostri figli.

Con la sua analisi, Crhristopher Lasch fornisce una chiave di lettura della condizione degli anziani, del consumismo ossessivo, della inidoneità dei sistemi didattici e accademici a fornire capacità critiche agli studenti, e così via discorrendo.

Perchè ne parlo qui? Perchè sto riflettendo su quanto possa essere valido il giudizio di narcisismo, egocentrismo e, in ultima analisi, solipsismo, anche per coloro che, come me, navigano, cercano, scrivono e vivono nel cyberspazio.

In una società malata di individualismo esasperato, che, attenzione, non si manifesta solo nell’avversione nei confronti del prossimo, ma anche semplicemente nella ricerca ossessiva della spontaneità personale, noi blogger siamo più o meno malati degli altri?

Annunci

5 thoughts on “La cultura del narcisismo

  1. Molto più bello ed accogliente questo non luogo. Dovrò rilinkarlo in luogo del precedente, che spero rimanga on line, considerati i buoni contenuti che propone.

  2. il quesito che poni è molto interessante e sicuramente sono molti i motivi che spingono un utente di internet ad aprire un blog. in termini semiotici un blog è (anche) una forma di narrazione del sé, d’altronde il nome stesso “web log” indica proprio una “traccia nella rete”. su questo tema è intervenuto Guido Di Fraia – docente allo Iulm di Milano – in un convegno di semiotica tenuto a novembre all’Università della Calabria ed ora ospitato dall’Archivio audiovisivo delle scienze sociali a questo indirizzo

    http://semioweb.msh-paris.fr/AAR/893/liste_conf.asp?id=893.

    il titolo è “Blog grafie: esperienze identitarie in Rete” ed è il quartultimo intervento della lista. Vale davvero la pena vederlo (come anche gli altri interventi presenti!)

I commenti sono chiusi.